COSTELLAZIONI. PRONTI, PARTENZA…SPAZIO!

COSTELLAZIONI. PRONTI, PARTENZA…SPAZIO!(2018)

una creazione di Savino Italiano, Olga Mascolo, Anna Moscatelli e Giorgio Rossi
ideazione coreografica e direzione artistica Giorgio Rossi
interpreti Savino Italiano, Olga Mascolo e Anna Moscatelli
disegno luci Andrea Margarolo
esecuzione tecnica  Piermarco Lunghi, Tea Primiterra
oggetti di scena  Bruno Soriato
produzione Associazione Sosta Palmizi e I Nuovi Scalzi
con il contributo di MiBACT, Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo/Direzione generale per lo spettacolo dal vivo; Regione Toscana/Sistema Regionale dello Spettacolo
con il sostegno di Armunia (Castiglioncello/LI), sistemaGaribaldi (Bisceglie/BAT), Azioni in Danza (Barletta/BAT)
ringraziamenti Associazione Explorer, La Baracca – Testoni Ragazzi, Flavia Marini

durata: 47’


Presentazione artistica

“Tutti noi abbiamo un’origine comune, siamo tutti figli dell’evoluzione dell’universo, dell’evoluzione delle stelle, e quindi siamo davvero tutti fratelli. Nella nostra galassia ci sono quattrocento miliardi di stelle, e nell’universo ci sono più di cento miliardi di galassie. Pensare di essere unici è molto improbabile”. Margherita Hack

Uno spettacolo dedicato alla scoperta dell’Universo.
Un viaggio fantasioso e giocoso che parte dalla Terra per spingersi verso le stelle.

Dopo anni e anni di studi e osservazioni dello spazio, il professor Radar si sveglia in quel sogno tanto desiderato: assieme alle professoresse Bussola e Calamita, mettono finalmente in azione l’invenzione del secolo: la Carrozzina Spaziale. Una straordinaria invenzione per mettersi alla ricerca di un luogo simile alla terra.
Attraverso questo viaggio fra pianeti e corpi celesti potremo vivere la danza delle Costellazioni: punti  luminosi nel cielo, apparentemente vicini fra loro ma realmente distanti milioni e milioni di anni luce. Punti di vista differenti uniti nello sguardo di chi li osserva: la prospettiva, la relatività, le dimensioni del tempo e dello spazio, le qualità della materia, i movimenti dei corpi, la luce, tutto è presente attraverso il gioco, la danza e l’immaginazione di chi è capace di vedere oltre i limiti dello sguardo.
E così professor Radar, Bussola e Calamita continueranno il loro viaggio nello spazio interstellare e chissà quante altre avventure vivranno, quali mondi nuovi e stelle e galassie scopriranno! E mentre li vediamo sparire, diventando piccolissimi punti luminosi, noi siamo qua, sapendo che la Terra e tutti noi facciamo parte del grande Spettacolo dell’Universo. E per continuare a danzare insieme al nostro piccolo Mondo, è importante averne cura.
Ma ora è tutto pronto per intraprendere questo speciale viaggio. Basta solo cominciare:
Pronti, Partenza…Spazio!

Dichiarazione autori

La nostra storia parte dagli uomini, per compiere un viaggio dalla terra all’universo, attraversando lo spazio e il tempo.
Grazie alla danza, per il suo essere naturalmente equilibrio tra materia, spazio e tempo, abbiamo intrapreso un viaggio creativo con al centro un tema complesso come quello dell’Universo.
Confidiamo che il linguaggio del corpo favorisca la comprensione di teorie apparentemente molto complesse, con un approccio esperienziale e sensoriale.
Attraverso il gioco e situazioni buffe e ironiche, dove noi esseri umani non siamo altro che gocce in oceano infinito, cerchiamo di capire cosa ci succede sopra la testa e anche sotto! Quanto più cerchiamo di capire e dare ordine ai pensieri, tanto più ci rendiamo conto che la ricerca del sapere è lunga. Questa ricerca infinita di conoscere è forse il motore stesso della vita.
Molte le connessioni tra le teorie scientifiche astronomiche e i principi della danza: il corpo è materia e la materia astrale diventa corpo. Einstein rivoluziona, con le sue scoperte, le concezioni di Spazio e di Tempo di Newton, scoprendo che il tempo, così come lo spazio, è caratterizzato dal movimento. Ecco che la danza ci permette di svelare l’Universo non distante da noi e di comprendere le dinamiche della sua danza.
In questo spettacolo raccontiamo del Sistema Solare e dei suoi corpi celesti, permettendoci di avere consapevolezza di ciò che ci circonda, o per meglio dire in cui siamo immersi. L’Universo è inteso come un sistema che va ben oltre le esigenze individuali. Conoscerlo per prenderne esempio significa proprio questo: ogni essere vivente, ogni pianeta, ogni asteroide, ogni singolo elemento seppur piccolissimo fa la sua parte e partecipa al funzionamento dell’intero ingranaggio astrale.
La nostra storia parte dall’Universo e all’Universo ritorna.

VIDEO PROMO

TOURNÈE 2017/18/19

14/05/2017 Azioni in danza, Chiesa di Sant’Antonio, Barletta (BT) STUDIO

28/02/2018 Visioni di futuro, visioni di teatro, Teatro Testoni Ragazzi sala B, Bologna STUDIO

25/03/2018 Stagione Armunia, Teatro Solvay, Rosignano (LI) DEBUTTO

27/05/2018 Il tempo dei piccoli, Teatro Garibaldi, Bisceglie (BT)

12/08/2018 Teatri di Terra, Anfiteatro La Luna nel pozzo, Ostuni (BR)

9/11/2018 Altre Danze, Teatro Signorelli, Cortona (AR)

11-12/11/2018 Altre Danze, Teatro Mecenate, Arezzo

13/11/2018 Altre Danze, Teatro Pietro Aretino, Arezzo

17/11/2018 Scenario Pubblico Kids, Teatro dei 106, Viagrande (CT)

8/12/2018 In Necessità Virtù Festival Teatro dell’Oratorio Osio Sotto, Bergamo

15/12/2018 Petit-pas Ass. CA’ ROSSA, Oratorio San Filippo Neri, Bologna

20-21/01/2019 Stagione Teatri di Bari, Nuovo Teatro Abeliano, Bari

16-17/02/2019 Festival ScienzaInScena, Pacta Salone, Milano

20-21/02/2019 Festival della Meraviglia, Teatro Sanbàpolis, Trento

25/02/2019 Stagione TPP, Teatro Politeama, Bisceglie (BT)

19/03/2019 Stagione TPP, Teatro Curci, Barletta (BT)

24-25/03/2019 Stagione TPP, Teatro Comunale, Corato (BA)

17/04/2019 Stagione FTS, Teatro Giotto, Borgo San Lorenzo (FI)

19/05/2019 Maggio all’Infanzia, Teatro Radar, Monopoli (BA)

2/07/2019 Puglia Show Case Kids, Teatro Nuovo, Napoli

19/08/19 Teatro del Museo di Palazzo Lanfranchi, Matera

5-11/09/2019 Festival international de théâtre de Mont-LaurierQuébec, Canada
“Programmazione Internazionalizzazione della scena teatrale e coreutica pugliese 2019”

15/12/19 Opificio dell’arte, Biella 

 

Biografia degli autori

 

Savino Italiano

Classe 1985, si appassiona al teatro dal 2003, seguendo i laboratori teatrali di Michele D’Errico. Approfondisce i linguaggi e le tecniche teatrali con il metodo di A.Vasil’ev con Daniele Nuccetelli, Maurizio Lucà, Monica Samassa, Giovanni Guardiano, Svetlana Kevral. Nel 2006 incomincia il suo studio sulle tecniche della maschera di commedia dell’arte, dapprima come autodidatta e successivamente, nel 2007 con il maestro Claudio De Maglio. La ricerca artistica e l’approfondimento del linguaggio non verbale continua attraverso lo studio del clown, con Gonzalo Alarcon, del mimo con Michele Monetta, della danza contemporanea con danzatori e coreografi come: Marigia Maggipinto, Diana Damiani, Pilobolus, Michele Abbondanza (compagnia Abbondanza Bertoni), Collettivo Explorer, Giorgio Rossi (Compagnia Sosta Palmizi). Altri maestri con cui ha seguito workshop e approfondimenti sono: Carlo Boso (commedia), Memo Dini (acrobatica), Leonardo Petrillo (commedia), Bruno Lomele (armi sceniche) e altri. Nel ruolo di Pantalone e di regista (con la supervisione di Claudio De Maglio) per lo spettacolo “La Ridiculosa commedia della terra contesa” vince diversi ricoscimenti tra cui Migliore produzione 2015, nel 7° Festival Internazionale di Mont Laurier (Canada). Dal 2014 alimenta la sua formazione anche nell’ambito della pedagogia teatrale e realizza diversi workshop sulle tecniche della commedia dell’arte. Attualmente lavora con la Compagnia I Nuovi Scalzi in Italia e all’estero, e collabora con altre compagnie.

 

Olga Mascolo

classe 1985, performer. Laureata in Forme e Tecniche dello Spettacolo, laurea magistrale presso l’Università La Sapienza di Roma. Continua a formarsi attraverso workshop e laboratori in teatro danza, commedia dell’arte, danza contemporanea. Si occupa anche di giocoleria con fuoco, e laboratori espressivi per bambini. Ha proseguito gli studi in ambito teatrale affacciandosi al settore dell’illuminotecnica e del disegno luci, grazie al corso della Regione Puglia presso I Car Formazione e Sviluppo O.N.L.U.S., Andria(2014-2015). È fondatrice della compagnia I Nuovi Scalzi, con la quale ha ricevuto alcuni premi internazionali tra cui miglior produzione 2015-Mont Laurier, Canada . Collabora con la compagnia La Luna Nel Letto in qualità di assistente tecnico e attrice nello spettacolo “L’Abito Nuovo”; Collettivo Explorer/Giovinazzo; La Settimana Dopo/Roma; Barchetta Blu/Venezia.

Anna Moscatelli

danzatrice, si laurea nel 2005 in Danza Contemporanea conseguendo il BA (Hons) Dance Theatre Honour Degree presso il Laban Centre di Londra, approfondendo come performer freelance il lavoro di Susanne Linke, Michele Abbondanza, Iris Erez (Jasmine Godder Company) Nicola Mascia (Sasha Waltz) e Matan Zamir (matanicola Dance Company), Andrea Olsen e Caryn McHose, Dino Verga, David Zambrano, Tabea Martin, Hannes Langolf (DV8), Danio Manfredini, Roberto Castello, Giorgio Rossi, Motus Modules (FR). Nel 2016 ha collaborato con Teatri di Bari e Senza Piume Teatro curando il movimento della produzione di teatro ragazzi ‘Ahia!’ vincitore del premio Eolo Awards come miglior spettacolo di teatro ragazzi 2017. Ha danzato per ResExtensa di Elisa Barucchieri, la Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli, Tabea Martin, Studio Festi, Balich WS, Kirstie Simpson (UK), Joclecio Azevedo (PT). In Puglia danza e collabora con la compagnia La Luna nel Letto/ Ass. Tra il Dire e il Fare, Senza Piume Teatro, Eleina D., Cinethic, Fatti d’Arte e PugliArte. Con la compagnia di danza slovena EnKnapGroup e ResExtensa è parte dell’ European project AdriaWealth. Nel 2011 ha fondato l’Ass. Explorer grazie ai fondi Regionali PRINCIPI ATTIVI per gestire attività formative e produzioni di teatro e danza presso gli spazi Polartis dell’Istituto Vittorio Emanuele II di Giovinazzo (BA). Dal 2017 è docente di danza presso la Piccola Scuola di Teatro di Senza Piume Teatro e docente di Movimento Scenico presso il Teatro Forma di Bari e per la Compagnia L’Albero di Melfi (PZ) per cui è curatrice del movimento scenico dello spettacolo di teatro ragazzi ‘Seicentina’.

 

Giorgio Rossi

Come direbbe E. Satie‚ “è un mammifero danzante”. All’età di 4 anni‚ vedendo il clown svizzero Dimitri esibirsi nel surreale tempo della scena‚ ha capito che il teatro era la sua vita. Deve la sua fortuna artistica all’aver potuto assistere ai lavori di grandi maestri (Kantor, Brook, Bausch, Carlson ….) e‚ con alcuni‚ ha imparato l’arte scenica‚ sia come allievo che come interprete. Nel 1984‚ è co–fondatore della Sosta Palmizi‚ sigla sotto la quale‚ in 30 anni‚ hanno lavorato oltre 400 danzatori e non, che via via hanno trovato lavoro nelle maggiori compagnie di Teatro Danza Italiane e Europee o hanno fondato propri gruppi e alcuni dei quali oggi, fanno ne parte come Artisti Associati . Con i suoi spettacoli‚ oltre 30 produzioni, che hanno superato le 1500 repliche , ha girando il mondo‚ grazie all’universalità dell’arte poetica del movimento In questi anni collabora con artisti di altri campi, come: Andrea Pazienza , Paolo Fresu, Bernardo Bertolucci, Terry Gilliam, Stefano Benni, Paola Turci, Lucia Poli, , David Riondino, Paolo Rossi, Banda Osiris, Gabriele Mirabassi, Danilo Rea, Elisabetta Pozzi, Jovanotti e tanti altri, oltre a lavorare con persone di ogni età, e comunità terapeutiche e vari gruppi di recupero sociale e nella scuola pubblica

Contatti:
Associazione Sosta Palmizi produzione@sostapalmizi.it 0575/630678

dscf1052costellazioni_fotolucacalugi 29064188_10156290642064732_8952177293543684536_o 26758090_10156290640884732_4253634151330260614_o dscf1047costellazioni_fotolucacalugi dscf1005costellazioni_fotolucacalugi