Qui di seguito trovate le nuove produzioni di danza e teatro/danza per il 2020, potete scorrere le pagine e scoprire tutti gli altri spettacoli in circuitazione.

 

Tra le produzioni nate quest’anno si segnala Esercizi di Fantastica il nuovo lavoro tout public di Giorgio Rossi un omaggio in danza senza parole a Gianni Rodari. Creato insieme agli artisti associati Elisa Canessa, Federico Dimitri e Francesco Manenti (già protagonisti di Col naso all’insù), debutto a Lugano per il Fit Festival Young&Kids.

Tra le nuove produzioni portate a termine il duo composto da Mariella Celia e Cinzia Sità per Bisbigliata Creatura, uno sguardo poetico che trae ispirazione dai testi della poetessa Chandra Livia Candiani e dal Body-Mind Centering.

Con la compagnia Déjà Donné una coproduzione con debutto a Ravenna nella vetrina Anticorpi con la versione estratto di Granito, creazione del Collettivo Munerude formato da Francesca AntoninoLaura Chieffollaria Quaglia. Lo spettacolo è disponibile anche in una versione estesa.
Un lavoro che mette in scena il processo di trasformazione materica della natura attraverso la forza comunicativa dei corpi e dei gesti.

Da Ravenna selezionato per Anticorpi XL anche l’anteprima del solo Mondo, seconda opera di Gennaro Lauro. Un lavoro sostenuto anche grazie a partner esteri come Ménagerie de Verre – Paris, L’Échangeur CDCN Hauts-de-France, CND – Pantin, Tanz Comany Gervasi (Wien).

Sofia Nappi, una giovanissima autrice vincitrice della Biennale Collage Danza – Coreografi è tra i nuovo artisti prodotti da Sosta Palmizi che sostiene due lavori dal titolo Wabi-Sabi (debuto al Premio Twain DirezioneAltre 2020 e inserito nella serata under25 del Florence Dance Festival) e Ima (debutto a Venezia per la Biennale Danza ad ottobre).

Nel 2020 procedono le residenze per due creazioni soliste: Federica Tardito con A Sonja, un solo dai contorni autobiografici e dai tratti ironici liberamente tratto dall’opera Zio Vanja di A. Cechov; Elisabetta Lauro che guidata dal desiderio di indagare l’oscurità, in Regenland, esplora il buio come chiave di sopravvivenza, punto focale della nostra evoluzione, momento di trasformazione nel perenne ciclo di morte e rinascita.

Prosegue infine relazione con la coreografa Gabriella Maiorino, attraverso il sostegno di due nuove creazioni frutto di un lungo percorso di sperimentazione connotato da un immaginario legato all’affermazione e alla libertà di espressione femminile. Nascono così il quartetto UOVO (debutto lo scorso gennaio) e il duetto 20-20 (debutto posticipato al 2021)

Torna su