Fabio Pagano e Cecilia Ventriglia

Amateurs (2017)

di Fabio Pagano e Cecilia Ventriglia
scritto e interpretato da Fabio Pagano e Cecilia Ventriglia    
musica dal vivo Saverio Pandolfi
co-produzione Pagano/Ventriglia e Associazione Sosta Palmizi
con il sostegno di CS376 (cortonaAR), Corsia Of (Perugia), VerdeCoprente (TR), ALDES (Lucca), Teatro Stabile dell’Umbria, Rampaprenestina (Rm), RadiceTimbrica Teatro (Legnano Mi), Teatro in Polvere (MI)
Scenografia Ettore Pagano – PIEMMECOR
Consulenza sound design Piermarco Lunghi
Libera evoluzione dal progetto Corte d’Amor  vincitore del bando Cantiere Futuro 2016–  Fondazione Toscana Spettacolo onlus e Teatro Metastasio Stabile della Toscana 

“Un gioco stravagante che diverte sia il pubblico sia gli attori. (…) interpreti, caratteristi pluriruoli carichi di esilarante poesia. Una lettura moderna e ironica. Una trasposizione leggera, tutt’altro che superficiale”.
[Squadra Investigativa - Alla Munchenbach]

SINOSSI
Atmosfera e caratteri del mondo intellettuale delle corti provenzali del tardo medioevo: salotti letterari dove raffinate nobildonne accolgono i Cortesi (coloro che si sanno comportare). Nobili, eruditi, ecclesiastici, letterati, artisti, cavalieri riuniti a disquisire di amore, l’Amor Cortese. Nella corte dove Chrétien de Troyes (Francia 1135-1190) si accinge a leggere Lancillotto o Il Cavaliere Della Carretta, un suo romanzo cavalleresco-amoroso,  il Cortese Pubblico verrà intrattenuto con racconti, musica e danza.
Un uomo e una donna danno corpo e voce, con poliedrica teatralità e fisicità, a grotteschi  personaggi, con la ricca coloritura sonora di un prezioso musicante. Con ricercata gamma di linguaggi che vanno dalla commedia dell’arte al teatro dell’assurdo, dal teatro-danza alla pantomima farsesca, a tanta televisione, fra lirismi e anacronismi, la commedia smaschera la commedia che si sta inscenando nella latrina morale della contemporaneità, nei cui salotti mediatici la cosmesi pubblicitaria nobilita il fetore della Grande Abbuffata.

performer performer2 duell ballerini-di-corte


Fabio Pagano e Cecilia Ventriglia

FABIO PAGANO
Nato a Napoli il 26 ottobre del 1981, dopo essersi diplomato all’istituto tecnico come geometra si iscrive alla facoltà di lettere e Filosofia all’università di Pisa al corso di Laurea CMT (Cinema, Musica e Teatro), conseguendo il diploma nel 2006. Durante gli studi del primo anno inizia a frequentare il teatro e la danza partecipando sia alla visione di spettacoli che a laboratori con i diversi maestri della scena italiana, tra cui la Compagnia Abbondanza-Bertoni e i Motus e Raffaella Giordano (Sosta Palmizi). Proprio quest’ultima lo porta a far parte di una nuova sua creazione dal titolo “Cuocere il mondo” che viene portato in tour tra Francia e Italia. Subito dopo questa esperienza fa parte per la durata di un anno del Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards.
In seguito parteciperà come interprete a molte creazioni. Interprete per quattro anni della compagnia ALDES del coreografo Roberto Castello con “Carne Trita”, “Scene da un matrimonio”, “Movimenti Urbani”, la trasmissione televisiva su Rai Tre “Vieni Via Con Me”.
Altri lavori con il Regista/Attore Valentino Infuso con “Sushidio”, con la coreografa Chiara Frigo con “Nonsostare”, con la coreografa Ambra Senatore in “Passo”, il Teatro Valdoca in “Cage’s Parade”,
Ultima partecipazione come interprete con il coreografo Giorgio Rossi (Sosta Palmizi) in “Sulla Felicità”.
Per dare animo alla sua passione per il cinema partecipa negli anni anche a un lungometraggio “Fuori Gioco”, un Mediometraggio “La Passeggiata” entrambi di Federico Monzani e un Cortometraggio “La Favola Bella” del Regista Leonardo Ferrari Carissimi.

CECILIA VENTRIGLIA
Nata ad Ascoli Piceno il 1° ottobre 1979, dopo essersi diplomata al Liceo Classico, studia e si laurea con lode in Scienze della Comunicazione a Perugia nel 2004; durante gli stessi anni universitari intraprende lo studio della danza presso la scuola Dance Gallery di Perugia formandosi come danzatrice contemporanea (metodo Nikolais) e perfezionandosi con importanti coreografi della scena internazionale. Nel 2005 inizia la sua attività professionale prima come interprete lavorando tra gli altri con Giorgio Rossi – Sosta Palmizi e con la compagnia di teatro di ricerca Farm In The Cave (con sede a Praga) sotto la guida di Viliam Docolomanský vincitore del XII Premio Europa per il Teatro-2010, poi come autrice-interprete realizzando L’UCCELLO DI FUOCO spettacolo per l’infanzia nominato e votato per il premio Eolo Award 2014, IN DUE performance di 20 minuti vincitrice della menzione speciale del Bando Game 2 – Teatro Stabile delle Marche per “originalità nella ricerca e capacità espressiva”, anno 2014; DALL’ALTRA PARTE DEL MONDO un secondo spettacolo per l’infanzia prodotto dall’Associazione Sosta Palmizi.