Biografia

Nato a Tradate (VA) nel 1960, si trasferisce all’età di un anno in Ticino (Svizzera) dove vive sino all’età di diciassette anni. All’età di quattro anni, vedendo il clown Dimitri esibirsi nel surreale tempo della scena, capisce che il teatro è la sua vita. Sin da bambino si avvicina a questo mondo, frequentando corsi e seminari che lo portano, nel 1977, a studiare presso la scuola “Quelli di Grok” di Milano. In seguito frequenta il «Conservatoire National des Arts du Cirque et du Mime » di Parigi e lavora con J. Roussillo.
Nel 1980 entra nella compagnia Teatro e Danza La Fenice di Venezia, diretta da Carolyn Carlson, partecipando agli spettacoli Undici onde, Underwood e all’opera L’Orfeo di Gluk
Tra il 1982 e il 1984 lavora come solista con D. Petit, J. Rochereau, il gruppo rock-punk Dr. Chattanuga e i suoi Navarones. L’anno seguente, fonda il Teatro Alogeno a Milano e, prodotto dal C.R.T., crea con G.B. Storti Improvvise identificazioni. Nel 1984 crea l’assolo Questo e quell’altro per il Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano. Nel 1984 è co-fondatore della compagnia Sosta Palmizi con la quale, come danzatore e coreografo, crea gli spettacoli Il cortile (1985), Tufo (1986) e Perduti una notte (1989). Si scioglie nel 1990 il nucleo dei fondatori di Sosta Palmizi, ma Giorgio Rossi e Raffaella Giordano mantengono in vita l’Associazione culturale Sosta Palmizi, di cui diventano direttori artistici e sotto la cui sigla producono spettacoli di giovani danzatori e coreografi, oltre alle loro creazioni. Nel 1987 coreografa ed esegue lo spettacolo Dai colli con scenografie di Andrea Pazienza e nello stesso anno crea le coreografie per il film Le avventure del barone di Munchausen di Terry Gillian. Nel 1988 crea le coreografie per il riallestimento dello spettacolo Alice di Lindsay Kemp .
Nel 1989 realizza Frail creation per la Collage Dance Company di Oslo. Nel 1990 realizza gli spettacoli La stanza per la compagnia Grif Theatre di Amsterdam e Rapsodia per una stalla. Nel 1992 partecipa come danzatore allo spettacolo I forestieri, coreografato da Raffaella Giordano. Nel luglio 1992 coreografa e danza l’assolo Balocco. Nel luglio 1994 debutta a Torino Danza, in coproduzione con il Festival Roma Europa, lo spettacolo Danze rosa blu, da un’idea di Giorgio Rossi e con le coreografie di Raffaella Giordano e Giorgio Rossi e le musiche di Schostakovic. Nel 1995 coreografa e interpreta lo spettacolo per tre danzatori e un pianista Sul coraggio. Pasatua che va alla fontana che debutta in marzo al Black Box Teater di Oslo con musiche di Arturo Annecchino. Nello stesso anno, insieme a Raffaella Giordano, riunisce il nucleo storico della Compagnia Sosta Palmizi, sciolta nel 1990, per partecipare alla Maratona Internazionale di Danza presente all’interno del XXXVIII Festival dei Due Mondi di Spoleto, con frammenti da Il cortile .
Ancora nel 1995 con lo stesso gruppo, partecipa alle riprese di alcune scene del film Io ballo da sola di Bernardo Bertolucci. Nel 1996 debutta a Oslo con la coreografia Come nuvole con danzatori norvegesi, su musiche di Jon Balke. Nel 1996 debutta l’assolo E la tua veste è bianca. Con Flavia Marini, nel 1997, crea la coreografia di Expo 97, concerto di Jon Balke, per il Festival Internazionale di Jazz di Molde (Norvegia). Al Castello Pasquini di Castiglioncello, in coproduzione con il Festival della Riviera Etrusca, nel 1997, debutta lo spettacolo Piume, nato dalla collaborazione con Vasco Mirandola e Simone Sandroni. Sempre nel 1997 collabora con Banda Osiris alla produzione di Sinfonia Fantastica. Nel 1998 partecipa con lo spettacolo Piume alla Biennale della Danza di Lione e riceve il Premio della critica “ Danza & Danza” quale miglior coreografo/danzatore.
Il 23 aprile 1999 debutta al teatro al Parco di Parma con il nuovo spettacolo Spara alla Pioggia, soggetto di Paolo De Falco di Teatrograd con testi di Francesco Niccolini, prodotto in collaborazione con il Teatro delle Briciole di Parma ed il Teatro Kismet di Bari. Nel 2000 coreografa Oltre, insieme a Simone Sandroni, per il Teatro del Muk (Teatro del Silenzio di Padova) diretto da Vasco Mirandola. Inoltre, per la Casa degli Alfieri, interpreta e realizza le coreografie per lo spettacolo dedicato a Cesare Pavese, E d’accanto mi passano femmine…, testi scritti e interpretati da Marco Baliani. Lo spettacolo Piume riceve il Premio Florencio 2000 – Uruguay come miglior spettacolo straniero dell’anno. Nel 2001 Giorgio Rossi è autore e interprete di due nuove produzioni, Caso e Gli scordàti. Caso, progetto di improvvisazione di musica, danza e poesia dove, di volta in volta, si esibisce sul palcoscenico con diverse formazioni di musicisti jazz (Paolo Fresu, Danilo rea, Furio Di castri, Gian Luigi Trovesi e altri), danzatori e poeti (tra cui Stefano Benni, Vasco Mirandola). Lo spettacolo debutta all’Opera Festival di Bassano del Grappa nell’agosto 2001. Gli scordàti (prodotto da Sosta Palmizi in collaborazione con il Teatro Comunale di Castiglion Fiorentino e con il sostegno del Festival Oriente Occidente, il Teatro Comunale di Ferrara) spettacolo per 6 danzatori su musiche originali di Giovanni Venosta, autore della colonna sonora del film Pane e Tulipani e testi di Vasco Mirandola. Giorgio Rossi partecipa inoltre, alla realizzazione delle coreografie del nuovo progetto di Marcello Chiarenza Ombra di luna – spettacolo di circo teatro, una produzione della Biennale di Venezia e del Circo Contemporaneo di Brescia. Nel 2002 crea ed interpreta le coreografie per lo spettacolo La notte di Federico con musiche originali di Federico Amendola ed interpretazione di Arnoldo Foà. Partecipa a vari progetti interdisciplinari nel campo della musica e del teatro come al Festival di Radicondoli con Maria Cassi (attrice e cantante) e Leonardo Brizzi (compositore pianista) con 25 abitanti del posto, dal titolo Mi rammento; al Festival dell’Amiata con Sandro Berti (musicista attore) della Banda Osiris; per il corpo di ballo del Teatro Massimo di Palermo crea la coreografia La piazza per 14 danzatori con l’attore Vasco Mirandola su testi di Tonino Guerra, in occasione del galà annuale, e del Teatro di Verdura. Nel 2003 debutta con lo spettacolo HIC ! frutto di una collaborazione con la coreografa Rebecca Murgi e con lo spettacolo Lolita, con lo scrittore Stefano Benni ed il musicista Paolo Damiani. Nel 2004 crea ed interpreta il suo quarto assolo, Alma, una creazione ispirata ai testi di C. Pavese, P. Neruda, A. Merini. Nel 2005 realizza La Favola Esplosa, uno spettacolo per tutte le età liberamente ispirato alle Fiabe Italiane di Italo Calvino, che mette in scena cinque danz’attori in movimenti narranti e tra-ballanti. Nel 2006, crea ed interpreta, Apaz Una creazione che riprende, tra danza, parole e immagini, molta della produzione bizzarra e autobiografica di Andrea Pazienza. Nel 2007 realizza e danza, insieme a tre danzatori, Rami, come quando fuori piove, una co-produzione Sosta Palmizi – La Corte Ospitale di Rubiera e con il sostegno della Fondazione Fabbrica Europa. Nel medesimo anno, interpreta Edipo nello spettacolo di Lucia Poli Edipo e la Pizia, e lo vediamo in scena insieme alla cantautrice romana Paola Turci in Cielo, per una voce danzante e un corpo sonoro. Conclude il 2007 con il progetto originale intitolato Steps from Tuscany commissionato dalla Regione Toscana in occasione della fiera internazionale di Obuv a Mosca – Russia. Nel 2008 realizza il progetto interculturale Dialogue in collaborazione con il Festival Fabbrica Europa 2008 e il Comune di Arezzo . Nello stesso anno crea e interpreta insieme a David Riondino e Gabriele Mirabassi Puntini Puntini Puntini. Nel 2008 realizza il progetto interculturale Dialogue, con 15 danzatori/coreografi africani ed europei, in collaborazione con il Festival Fabbrica Europa 2008 e il Comune di Arezzo. Lo stesso progetto nel maggio 2009 viene presentato alla V edizione del Kaay Fecc Festival, Dakar – Senegal. Nel 2009-10 G.Rossi crea Scarpe, spettacolo per l’infanzia e non solo, con 3 giovani artisti d circo poetico. Numerose nello stesso periodo sono anche le collaborazioni con jazzisti del calibro di P.Fresu, G.Mirabassi e M.Rabbia con i quali da’ vita ad improvvisazioni tra corpo e musica in numerosi teatri italiani. Crea nell’estate del 2009 AnimaAmataMente spettacolo per 3 musicisti e 4 danzatori, co-prodotto da Time in Jazz Festival e Nuoro Jazz Festival. Tra il 2009 ed il 2010 svolge un’intensa attività di consulenza artistica per diverse realtà Teatrali e di Danza: P.Rossi, V.Mirandola, Kismet teatro, 320Chili e El Grito. Nell’autunno 2010 è tra i danzatori protagonisti della trasmissione televisiva Vieni via con me di F.Fazio e A.Saviano – Rai 3.
Dello stesso anno è il nuovo progetto con l’attrice Lucia Poli, Carlotta, Graziella e le altre… ispirato alle poesie di Guido Gozzano; Il Volo, spettacolo per 5 danzatori, con la partecipazione di Vasco Mirandola, co-prodotto da Sosta Palmizi e D’Annunzio Festival; Animalie spettacolo nato da un’idea di G.Rossi e che lo vede in scena con D.Riondino e G.Mirabassi, sotto la regia di Giorgio Gallione e con i testi di Jorge Louis Borges, Stefano Benni e Toti Scialoja.
Nel 2012 crea una coreografia originale per il corpo di ballo del Teatro dell’Opera dal titolo Cielo di Marzo. E’ docente presso l’Accademia internazionale d’arte drammatica “Vittorio Gassman” e, in collaborazione con lo stesso Teatro Quirino, collabora a progetti d’integrazione sociale attraverso laboratori e la creazione di spettacoli tra cui Viaggio Fantastico dall’Iperspazio, prodotto nel 2012. Durante l’Arezzo Wave Love Festival cura la direzione artistica, insieme a Raffaella Giordano, della sezione Danza Wave all’interno della quale entrambi lavorano ad una nuova creazione originale, interpretata dai ragazzi del corso di Scritture per la Danza Contemporanea, primo e secondo biennio. Subito dopo è all’Aquila, con un progetto de I Cantieri dell’Immaginario, per un laboratorio di creazione accompagnato dal direttore d’orchestra Fabrizio Puglisi. Continua così il suo operato all’interno dell’ambito formativo e performativo delle nuove generazioni di danzatori, nel novembre 2012 va in scena anche Torna a Giocare, in collaborazione con Elisabetta Di Terlizzi e l’Ente per lo Spettacolo dal vivo della provincia di Sondrio. Nel giugno 2013 debutta la Carmen, commissionata dal Festival Les Nuit de Fourviere, musicata dall’Orchestra di Piazza Vittorio presso il Grand Théâtre di Lione. Infine da segnalare la rinnovata collaborazione con l’Arezzo Wave Love Festival, il Festival Orizzonti di Chiusi e il festival Cortona on the Move, promotori del progetto “La Felicità…”. Da questa bellissima esperienza nasce la voglia di continuare a sperimentare con un gruppo di 12 danzatori attori per una nuova e attesissima produzione dal titolo “Primo studio sulla Felicità”.
Da sempre Giorgio Rossi lavora con grandi gruppi, coordinando le coreografie di scena nel cinema, come nel teatro e in grandi eventi cittadini: 1987 film Le avventure del barone di Munchausen di Terry Gillian/1995 film Io ballo da sola di Bernardo Bertolucci/2001 progetto Ombra di luna– spettacolo di circo teatro, prodotto da Biennale di Venezia e Circo Contemporaneo di Brescia/2002 progetto Mi rammento, con Maria Cassi (attrice e cantante) e Leonardo Brizzi (compositore pianista) e con 25 abitanti di Radicondoli (SI). Nel 2009 Sphera, progetto commissionato in occasione dei festeggiamenti per Galilo Gailei./2009-2011 Danzare Lucignano laboratorio e performance per le strade della città. Nel 2011 Sosta in Tenda gran cabaret degli Artisti Associati Sosta Palmizi coordinati da Giorgio Rossi all’interno dello chapiteau di El Grito per il Festival Visioni di Arezzo. Nel 2014 coordina 320 giovani per il 620° Carnevale di Putignano, prosegue il suo progetto insieme ai 12 danz/attori – Artisti Associati Sosta Palmizi “Sulla felicità” che debutta in dicembre presso il Teatro Mecenate di Arezzo. Da Dove Nascono le Stelle è il titolo della nuova creazione 2015 di Giorgio Rossi e Simone Sandroni. La nuova performance è una co-produzione tra la compagnia Sosta Palmizi e Dèjà Donné. Nel dicembre 2015, in occasione del debutto al Teatro Vascello di Da dove Nascono le Stelle nella versione femminile, con il coinvolgimento delle danzatrici Elisa Canessa e Fabritia D’Intino, Giorgio Rossi presenta il suo nuovo solo Lasciati amare. Nell’autunno 2015 Giorgio Rossi è stato protagonista di episodi di condivisione creativa con alcuni coreografi della sua generazione andando in scena con 220 Volt… e non sentirli e lo spettacolo 6QUI presentato all’interno della rassegna Invito di Sosta. A giugno 2016 Giorgio Rossi collabora alla realizzazione delle coreografie dello spettacolo “La Tempesta” di Shakespeare andato in scena nell’ambito della Festa di Teatro Eco Logico di Stromboli. Sempre nel 2016, l’artista, insieme ai danzatori Elisa Canessa, Federico Dimitri e Francesco Manenti debutta nell’ambito della rassegna Altre Danze_Portiamo i ragazzi a teatro! con lo spettacolo per bambini Col naso all’insù, realizzato con la collaborazione di Armunia.

Parallelamente al suo percorso di danzatore e coreografo, si dedica assiduamente all’insegnamento per formare danzatori. Propone regolarmente seminari e lezioni presso la sala prove dell’Associazione Sosta Palmizi e in numerose istituzioni didattiche, come:

- Il senso del tempo, laboratorio di danza poetica in collaborazione con il Festival Cortona On The Move
- Conservatorio Duncan di Praga
- Accademia Nazionale di Pechino
- Opera di Oslo e Istituto Nazionale di Danza Contemporanea Norvegese
- Accademia di Rotterdam;
- Scuola Civica d’Arte Drammatica di Milan
- Corsi di formazione professionale finanziati dall’ U.E
- Forum Dança di Lisbona
- Università degli Studi di Siena (Arezzo) – Lettere e Filosofia 2
- Invitato da Carolyn Carlson, ha insegnato alla Biennale di Venezia
- L’immaginario del corpo presente, Corso di formazione sull’arte poetica del movimento tenuto presso il Centro Artistico il Grattacielo di Livorno e sostenuto dalla Regione Toscana.
- Dal 2015 è ideatore e curatore del laboratorio residenziale di scrittura coreografica e corpo poetico, realizzato nell’ambito del progetto a sostegno delle Residenze Artistiche della Regione Toscana.
- Azione 2016/2017, Giorgio Rossi parteciperà in qualità di docente al Progetto pilota per una rete stabile di insegnamento sul territorio toscano

SINTETICO
PRODUZIONI

1984 Questo e quell’altro – 1985 Il cortile - 1986 Tufo - 1987 Perduti una notte; Dai colli - 1989 Frail creation - 1990 Rapsodia per una stalla; La stanza - 1992 Balocco - 1993 Edadaus - 1994 Danze Rosa Blu - Sul coraggio. Pasatua che va alla fontana - 1996 E la tua veste è bianca Come nuvole - 1997 Piume - 1998 Ai Giardini – 1999 Spara alla pioggia - 2000 Oltre - E d’accanto mi passano femmine… - 2001 Gli scordàti - 2002 Hic! - 2003 Lolita - 2004 Il vestito della scimmia; Alma - 2005 La favola esplosa - 2006 A.Paz - 2007 Cielo; Rami‚ come quando fuori piove; Edipo e la Pizia – 2008 Dialogue – 2009 Scarpe; AnimaAmataMente – 2010 Carlotta‚ Graziella e le altre…; Il volo; Animalie – 2012 Cielo di Marzo – 2014 La Felicità – 2015 Da dove nascono le stelle – Lasciati Amare 2015; Col naso all’insù 2017 -